storie / corsivi
>>>
racconti di persone, polemiche ad personam
20 marzo 2003
Dialogo immaginario sulla nuova presidente Rai
A - “Vedo qui tra voi pochissime donne. Il 7% mi dicono. Chiedo come mai, e la risposta è che la vostra cultura è maschile, aggressiva, competitiva. Bene, ma se siete così energici, perché non investite la competitività nel dare più profitti all’azienda invece che discriminando le colleghe“ ? (così Giovanni Agnelli, all’ultima assemblea dei quadri Fiat, nel racconto di Gianni Riotta)“. Ecco. In un Paese che ha della politica istituzionale e delle cariche pubbliche una concezione molto virile, se non patriarcale, Lucia Annunziata presidente del Cda secondo me è una buona cosa
> continua


> 30 marzo 2003

Se solo fossimo umani

Siamo un’amabile, odiosa, affettuosa, rozza, tenera, vile, intelligente, caotica, virtuosa, maligna, altruista, perversa, generosa, famelica specie. In fin dei conti, una gran caricatura.
Gli umani sono l’unica razza che tortura e massacra sistematicamente i suoi simili, solo per il piacere e il profitto personale. Di fatto, siamo la sola specie che metodicamente sevizia e ammazza crudelmente i propri simili. Punto e a capo. Siamo solo dei serial killers. Non esiste prosa, poesia, sinfonia, dipinto, che potrà mai cambiare questo stato di cose. L’aspetto più nobile dell’umanità è l’aberrazione.
Chi afferma che l’arte e la filosofia sono la prova della creatività e dell’intelligenza umana, tralascia del tutto questo aspetto. I letterati, gli artisti, i filosofi sono assolutamente impotenti e privi di qualsiasi prestigio personale. L’arte, la musica, la filosofia sono solo pallidi esempi di cosa potremmo essere se solo fossimo meno stupidi.
La maggior parte degli animali, quando in lotta, dimostra un atteggiamento aggressivo ma pochissima ostilità e intenzione di ferire. E, se il conflitto diventa inevitabile, il perdente segnalerà la disfatta esponendo al vincitore la sua parte più vulnerabile, in modo che lo uccida. A quel punto, il dominatore, se ne andrà senza infliggere ulteriori umiliazioni.
Queste sarebbero gli esseri che noi umani consideriamo inferiori.

Gaia de Beaumont