anima / corpo
>>>
benessere malessere, la scienza, lo spirito, la vita
29 marzo 2003
“Nudus“, magazine sessualmente corretto
per libertini raffinati e militanti
Il " retour de l'ordre moral" annunciato dalla sinistra francese alcuni mesi fa ha già trovato la sua controtendenza
> continua

18 febbraio 2003
Oscurantisti, giù le mani da Dolly
Dolly è morta. Aveva sette anni. E' stata soppressa perché "soffriva troppo", dicono i medici
> continua

10 febbraio 2003
Le imbarazzanti verità del nudo
750 donne si spogliano per disegnare un cuore e uno slogan – no alla guerra – su una collina
> continua

8 febbraio 2003
Bioetica: il travaglio della politica
Cattolici e musulmani, credenti e non credenti, ebrei e protestanti, donne e uomini
> continua

12 gennaio 2003
Il valore del seme perduto
“Per fare un tavolo ci vuole il legno/ per fare il legno ci vuole l’albero/ per fare l’albero ci vuole il seme“
> continua

18 dicembre 2002
Mi sento centenaria. Evviva
Quanto è simpatica l’ottuagenaria spot, l’arzilla vecchietta
> continua

17 dicembre 2002
Sul papa e il silenzio di Dio
Perché non riesco a prenderlo sul serio ? Perché questa volta non mi impressiona più che tanto
> continua

7 dicembre 2002
Siamo stanchi dell'aids (noi gay)
Siamo stanchi dell’Aids. Sono quasi vent’anni che se ne parla, quasi vent’anni che prudentemente indossiamo sterili preservativi
> continua


> 2 maggio 2003


Venite in analisi, vi sentirete normali

" Se continuate a vivere, invecchierete?" "Quando mancate di ossigeno, provate una sensazione di soffocamento?". "In fondo, ma proprio in fondo, provate dei sentimenti profondi? E' possibile che siano molto più radicati di quelli in superficie? Sono alcune delle dieci domande che compaiono sul risvolto di copertina de "Il pomodoro dell'inconscio", ultimo libro di Gaia de Beaumont.
"Se avete risposto affermativamente a due o più domande - si legge sempre nel risvolto di copertina - dovete assolutamente leggere questo libro".
Aggiungo: se siete state, stati in analisi, dovete assolutamente leggere questo libro. Sia che siate al primo sia che siate al venticinquesimo anno, troverete senz'altro qualcosa in cui identificarvi e di cui, soprattutto, ridere. Se invece non siete in analisi e non vi è mai saltato in mente di andarci, "Il pomodoro dell'inconscio" vi confermerà che avete fatto la cosa giusta e vi darà modo di ridere di chi, dal vostro punto di vista, non fa che buttare i suoi soldi dalla finestra.
E poi: se vivete con un cane, non potete esimervi da leggere e leggergli questo libro. Se non vivete con un cane…beh, che aspettate (a leggere "Il pomodoro dell'inconscio" e ad accogliere un cane nella vostra vita)?
Altre due ragioni per comprare e leggere "Il pomodoro dell'inconscio":
1) l'autrice collabora con questo sito; infatti, nel libro compare qualche racconto scritto per DeA;
2) come sempre, Gaia de Beaumont applica il suo sguardo, la sua scrittura, la sua ironia alla "normale" quotidianità. Una quotidianità attraversata dal supermercato (off course: se no, che vita quotidiana sarebbe?), certo. Ma anche dal setting analitico e da seratine a due intraspecifiche (nel senso di un'umana e un cane): scene - stanze, avrebbe detto, più seriosamente Francesco Guccini, qualche anno fa - di una vita quotidiana che si apre e cambia continuamente. E mostra ogni giorno come, wittgensteinianamente parlando, al posto di ogni strada che prendiamo, ve ne sarebbero state altre dieci, cento da prendere, così che la normalità impossibile per un bravissimo Elliott Gould di trent' anni fa (“L’impossibilità di essere normali“, 1970, regia di Richard Rush, dal romanzo di Ken Kolb), diventa praticabile, vivibile. Per tutti gli animali, umani e non. Per le donne e per gli uomini. Forse, più per le donne che per gli uomini.

Franca Chiaromonte





> da leggere
> Gaia de Beaumont, "Il pomodoro dell'inconscio", Gallo et Calzati editori, pp.182, euro 13,00, acquistabile anche on line


l